n. progressivo contatti

SOSTIENI LE NOSTRE INIZIATIVE

 

Per destinare il 5x1000 a sostegno delle nostre attività riporta nella tua dichiarazione dei redditi: 

LaGioiaDiVivere 

c.f.  91 06 57 40 556

 

 

L'Associazione LaGioiaDiVivere è iscritta al n.889 del Registro Regionale Generale del Volontariato, Settore Attività Sociali ed è pertanto ONLUS di diritto ai sensi dell'Art 10 D Lgs 460/97. Le donazioni a LaGioiaDiVivere ONLUS godono dei benefici fiscali previsiti dalla legge.

 

 

Le donazioni possono essere effettuate tramite bonifico sul conto corrente intestato all'associazione.

Per il codice IBAN  del conto corrente clicca qui:  DONAZIONI"

 

 

Per ricevere l'attestato della vostra donazione inviateci l'email specificando nome, cognome e indirizzo dell'intestatario del cc sul quale è stato effettuato il bonifico.

 

 

LaGioiaDiVivere

Organizzazione di Volontariato ONLUS

(legge n.266/91 e D.Lgs.460/97)

e-mail: info@lagioiadivivere.org

Sede legale: Villaggio Polymer, 50 - 05100 Terni, ITALIA

Tel: 0744 800041

C.F.  91 06 57 40 556 

 

Responsabile Segreterìa:

Clara Giorgi

 

Legale Rappresentante:

Stefano Conedera

ONLUS
ONLUS

Un generatore per maru

Alla comunità di MARU in KENIA approdiamo grazie all'amica Alessandra, che conosciamo da molti anni e che recentamente abbiamo scoperto essere anch'essa impegnata nel volontariato nella piccola associazione abruzzese: “La Goccia fa il Fiore onlus” 

 

“La Goccia fa il Fiore onlus”  nasce in modo del tutto analogo a quanto accaduto a noi con LaGioiaDiVivere ONLUS , e cioe' per uno scopo specifico e circoscritto al quale poi, negli anni, se ne sono aggiunti di nuovi.   Tutto trae origine nella conoscenza e stima di un prete keniota, Padre Douglas Mwjia, ospite nel nostro paese per gli studi.

 

Nel 2004 alcuni amici di padre Douglas decidono di aiutarlo e organizzarsi con lo scopo di sostenere la piccola comunità di Meru in Kenya, dove torna ad operare Padre Douglas.

 

L’Associazione si occupa principalmente delle adozioni individuali  a distanza di bambini che vivono situazioni di gravi difficoltà (150 c.ca) e della raccolta di beni di primaria necessità che vengono inviati a destinazione a mezzo container.

 

Grazie alle donazioni raccolte dalla piccola associazione sono stati costruiti due forni in muratura per insegnare a fare il pane alle comunità di Ngiine e Kangeta e cinque abitazioni per accogliere famiglie in condizioni di assoluta povertà residenti in capanne costruite con il fango essiccato.

 

Tra i progetti piu' importanti figura oggi la realizzazione di un importante dispensario sanitario a cui ci siamo offerti di aderire con il finanziamento dell'acquisto del generatore elettrico. 

 

 

LETTERA DI PRESENTAZIONE DI PADRE DOUGLAS

DEL PROGETTO DISPENSARIO SANITARIO DI MARU-KENIA

 

Sono don douglas un prete di diocese di meru ordinate 27 anni fa’.Io ho studiato a roma dal 1994 -99. Durante estate andavo a Massignano a trovare gli amici avevo conoscuito. La nostra amicizia e’ crescuito dando tanti frutti.

Vengo da  un villaggio di ngiine/meru di circa 80,000 persone. Tutti vivanno in campagna ognuno con un pezzo di terreno dove piantano un po di fangoli, banana, maiz con poci mucce e galine ecc. Manca l’acqua e le case non sono buoni. Quando piove diventa difficile per tanti di loro. Poi le malatie di Aids, malaria, tifoide ecc.

Le famiglie hanno tanti bambini. Alcune non possono educare. Tanti finiscono nelle citte’. Altri vivanno senza speranza. Gli uomini non lavorano. Le donne vanno a cercare la legna e acqua. I bambini piu’ grandi prendano mucce in giro a cercare qualche erba.

Io come un prete avevo pensato di aiutare i bambini almeno di avere qualche educazione. E cosi e’ nato una amicizia con gli amici italiani che hanno presso un impegno di adottare i bambini a distanza. Tanti bambini sono andati a scuola del mio villaggio e poi di kangeta dove ero’ un parroco prima di essere nominato rettore del seminario maggiore un lavoro che faccio fino oggi, cioe’formare i futuri preti.

Due anni fa sono venuto in kenia Alessandra con gli amici a trovare i bambini che aiutanno a studiare. Dopo un viaggio alle scuole ci siamo mesi a parlare un po cosa possiamo fare per aiutare di piu’ persone del villaggio. Io avevo questo pensiero solo che vendevo i sacrifici che fanno i nostri amici che sostengono questi bambini poveri avevo paura di aprire il mio cuore a loro. Subito siamo andati a trovare il mio vescovo per convindere nostro pensiero. Lui era molto contento di sentire  quello che avevamo.

Chi intendiamo aiutare

Tutto questo e’ per aiutare:

  1. Bambini, piccolo e grandi
  2. Genitori: alcuni sono malati di aids
  3. E poi tutte persone del villaggio che hanno bisogno di essere curati.

I motive del dispensario e’ di dare cure alle gente, adulti e bambini del villaggio. Secondo me, e’ bello mandare I bambini alle scuole per combattere la poverta’ in future, ma e’ piu’ bello di curare i bambini e adulti malati, perche’ l’ospendale vicino ci trova 4 kms di distanza. Un bambino/a malato non puo camminare una distanza cosi’ lunga. Avendo un dispensario vicino e’ una solievo alle tante persone. E poi curando il corpo curiamo il mente per avere la voglia di studiare.

In questo villaggio tante persone sono molto povero. Non possono avere la possibilita’ di trovare un medico senza pagamento. Vicino alla chiesa dove stiamo construindo il dispensario, ci sono cliniche private. Ma chi non ha i soldi non puo essere curato.

Quindi con nostro dispensario sara’ un aiuto a tanti persone povero. Si sara’ possibilta’ di cura a tutti che hanno bisogno, come le donne malato o incita, persone con vari tipi di malatie, vaccinazione dei bambini, insegnare le donne le cose sanitarie ecc.

Come intendiamo organizzarlo

Abbiamo iniziato un progetto molto comodo per tutti con circa 12 stanze:

antenatal clinic; child welfare clinic; staffroom; pantry room; waiting bay; consultation room; treatment room, specimen unit; laboratory; pharmacy; drugs store; youth friendly services; due verandah, public toilets; staff toilets.

Che funzione avra’ ( quali ambulatori ci saranno)

  1. Analisi del sangue
  2. Esami laboratorio
  3. Denti

Chi lavorera?

  1. Infermiere: alcuni i nostril ragazzi/ze che hanno studiato con aiuto delle famiglie italiane
  2. Dottori
  3. Dentisti
  4. Uomini e donne del villaggio (pulizia e guardie).
  5. In futuro i medici volontariati italiani

Cosa manca:

Per adesso manca ancora un po. Anche se i lavori stanno  andando avanti con i soldi che mi avete inviato. Nostro muratore Patrick sta a lavoro molto bene. Secondo lui per fare renderlo operative ci vuole ultime cose:

 Solo: ELEMENT 5: PROVISIONAL CAPITAL SUMS

 

Quantity

Material

Cost in shs.

Euro

NON FINISHED

A.

ITEM

Interior electrical wiring/luce

250,000.00

2,500

Da fare

B.

ITEM

Water reticulation including

Sewage system/fognatura

5,000 Lts water storage tank

200,000.00

2,000

Da fare

C

ITEM

Painting and decoration including landscaping (pintura)

120,000.00

1,200

Da fare

D

ITEM

Initial equipment including basic furniture and cabinet fittings,doors,windows

500,000.00

5,000

Da fare

E

ITEM

Floor tiles 3200 pcsx190 @ 17pcsx1050

199,500.00

1,995

Da fare

 

 

Carried to summary Kshs.

1,269,500.00

12,695

 

 

Nb: per i macchinari, non abbiamo pensato. Forse ti faro’ sapere quando andro’ a meru o appena finiamo tutto lavoro. Con arrivo di Luigi lui ci aiutera di fare alcune cose.

Vi vogliamo bene. Un abbraccio

Don douglas

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© LaGioiaDiVivere Villaggio Polymer 50 05100 Terni C.F. 91065740556